Home

BENETTON
5,000,000 DI DOLLARI PER LE VITTIME DEL RANA PLAZA #PAYUP


Action / Performance a cura di Sara Conforti & Clean Clothes Campaign In collaborazione con: Francesca Cinalli, Paolo De Sanctis, Eleonora Grassi, Francesco Trivero, Riccardo La Valle per i lavoratori del tessile

MILANO – PIAZZA DUOMO
28 FEBBRAIO 2015- ORE 15
#RANAPLAZA

Bangladesh Garment Factory

Il 24 aprile 2013 il Rana Plaza, il palazzo in Bangladesh che ospitava cinque fabbriche tessili, è crollato uccidendo 1138 persone e ferendone più di duemila. Sono passati quasi due anni da quella catastrofe e tuttavia ancora oggi ai sopravvissuti e alle famiglie delle vittime continua ad essere negato il pieno diritto al risarcimento, prolungando l’angoscia per coloro che vorrebbero rifarsi una vita.
Le foto diffuse dai media hanno scioccato il mondo intero: storie strazianti di sopravvivenza, di persone che non avevano altra scelta che amputare le proprie membra per essere liberate dalle macerie e sopravvivere.

BENETTON fino a pochi giorni fa era l’unico grande marchio internazionale innegabilmente legato al Rana Plaza che continuava a rifiutare di versare un solo centesimo per i risarcimenti.
Recentemente, con una campagna di pressione condotta insieme alla piattaforma internazionale AVAAZ, sono state raccolte più di UN MILIONE DI FIRME per chiedere a BENETTON di risarcire pienamente le vittime.

L’azienda ha risposto con una promessa di pagamento, riservandosi il diritto di valutare quale sia la cifra più adeguata. Ma una valutazione appropriata esiste da tempo!
Tutti i marchi presenti in Bangladesh dovrebbero contribuire in base alle loro capacità finanziarie, la dimensione delle loro relazioni commerciali con il Bangladesh e quelle con il Rana Plaza.
In base a ciò si chiede a BENETTON di versare 5 milioni di dollari, una somma che gli attivisti giudicano proporzionale all’enorme entità dei profitti che il gruppo realizza.

FRONT ROW, la performance a cura di Sara Conforti in collaborazione con Abiti Puliti / Clean Clothes Campaign condurrà nel cuore di Milano le istanze delle vittime del Rana Plaza per dar voce e dimensione plastica all’urgenza, attraverso la costruzione attiva di un’azione di sensibilizzazione che mira al coinvolgimento partecipativo del pubblico presente. Per non dimenticare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...